martedì 29 ottobre 2013

Sul regolamento di polizia mortuaria approvato dal Consiglio Comunale di Firenze

E' stato approvato in Consiglio Comunale il nuovo regolamento dei cimiteri che aveva suscitato, oltre un anno fa, un'accesa discussione ed aveva visto gli interventi delle associazioni di donne, tutti contrari alla proposta della Giunta, con cui veniva introdotto uno spazio cimiteriale apposito per i feti.
Ciò aveva dato luogo ad una pausa di riflessione.
Rileviamo che, se da un lato tale pausa è servita a espellere dal testo proposto dalla Giunta la citazione esplicita dello spazio cimiteriale destinato a “prodotti abortivi e prodotti del concepimento”, resta il fatto che la sepoltura dei feti, a cui un comma del regolamento comunque si riferisce, viene istituzionalizzata.
Rimane quindi un forte elemento simbolico che prelude al riconoscimento dei feti come persone e tende a colpevolizzare le donne che intendono interrompere una gravidanza.
La legge già prevede che chi vuol procedere alla sepoltura del feto lo possa fare.
Ogni sottolineatura regolamentare di tale possibilità non può che assumere un valore simbolico: un chiaro attacco alla legge 194.
Per questo riteniamo sbagliata la decisione assunta dal Consiglio comunale e riaffermiamo la nostra volontà di difendere con forza la legge 194, l'autodeterminazione delle donne, la laicità delle istituzioni.


Libere tutte, Il Giardino dei ciliegi, LeMusiquorum, Il Laboratorio per la laicità, Se non ora quando – Firenze, Coordinamento difesa 194, Intersexioni, Coordinamento contro la violenza di genere e il sessismo, Ireos

29 ottobre 2013

Nessun commento:

Posta un commento